Spagna-Italia 3-0. Il ct Ventura: 'Noi umani, loro extraterrestri' Doppietta di Isco nel primo tempo, che sblocca la partita su calcio di punizione. Poi Morata nella ripresa3

03 settembre 2017   13:14

Posted by Domenico Salvatore

La Spagna ha battuto l'Italia 3-0 (2-0 nel primo tempo) in una partita di qualificazione ai Mondiali 2018: con questo risultato per gli azzurri si profila il rischio spareggi. La Spagna è infatti prima del gruppo G a 19 punti, l'Italia segue a 16 al secondo posto, che vale il play off. Al terzo posto, l'Albania a quota 12.

"Si è vista la differenza di condizione e di qualità, loro hanno fatto un gol su punizione, mentre il loro portiere ha fatto tre grosse parate. Noi siamo in questo momento umani e loro meno. Il modulo? Stiamo portando avanti un discorso e non può essere una partita a cambiare tutto. Dobbiamo vedere quello che siamo e quello che vogliamo diventare e con il lavoro saremo più competitivi". Così il ct azzurro Gian Pietro Ventura ha commentato, ai microfoni della Rai, la pesante sconfitta.

Contropiede degli iberici al 77': tap-in sotto porta di Morata dopo un cross di Ramos

Primo tempo segnato da un gran possesso di palla delle Furie Rosse.  L'Italia prova a spingere dopo il primo gol, ma è pericolosa solo al 22', quando sfiora il pareggio con un colpo di testa di Belotti, respinto da De Gea

Al 40' doppietta di Isco che, servito da Iniesta, supera Verratti e va in rete con un tiro di sinistro da fuori area

Al 13' Isco va in gol su calcio punizione dopo un fallo di Bonucci (ammonito) su Asensio, lanciato a rete da Iniesta. Oltre a Bonucci, un altro cartellino giallo era stato estratto in precedenza dall'arbitro per Veratti, il quale ha commesso un fallo al 4'

CLASSIFICA

Spagna 19
Italia 16
Albania 12
Israele 9
Macedonia 6
Lichtenstein 0

Salva di fischi al Bernabeu ad ogni palla toccata dal catalano Piquè, difensore della Spagna, dal primo minuto della sfida con l'Italia. Il pubblico di Madrid non perdona al giocatore del Barcellona le sue posizioni anti-Real e pro Catalogna. Qualche applauso si è sentito a difesa del giocatore, ma i fischi sono continui e molto più forti. Fonte Ansa