Roma - Rimborsi IVA illegali, foratore seriale di pneumatici, padre distratto lascia figlia 4 mesi i auto. Arresti e denunce

17.11.2017   9:00 - 

Elio Cotronei release - 

CARABINIERI ARRESTANO 3 FUNZIONARI CORROTTI DEGLI UFFICI DOGANALI DELL’AEROPORTO “LEONARDO DA VINCI”.

RILASCIAVANO A CITTADINI EXTRACOMUNITARI, INGIUSTAMENTE, L’AUTORIZZAZIONE AL RIMBORSO IVA SU MERCE ACQUISTATA IN ITALIA E FITTIZIAMENTE DESTINATA A PAESI FUORI DALLA COMUNITA’ EUROPEA.  

 

 

ROMA - I Carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma con l’ausilio del Servizio Antifrode dell’Agenzia delle Dogane “Roma 2” hanno arrestato tre pubblici ufficiali dell’Agenzia delle Dogane “Roma 2” - Servizio Operativo Territoriale - dell’Aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, facenti parte di un sodalizio criminale internazionale, operante tra lo scalo aeroportuale di Fiumicino e la Capitale. L’accusa per le tre persone arrestate e altre 24 iscritte nel registro degli indagati è, a vario titolo, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, tentata truffa aggravata ai danni dello Stato e corruzione. 

I tre funzionari apponevano il timbro doganale, autorizzando alcuni cittadini cinesi al rimborso IVA su delle fatture relative a merce, per lo più capi di abbigliamento, scarpe e borse di note griffe, acquistata in Italia e fittiziamente destinata all’esportazione in Cina; su richiesta dei cittadini cinesi, omettevano di controllare i requisiti che il viaggiatore avrebbe dovuto possedere al fine di ottenere il citato rimborso IVA; precisamente, non controllavano la merce oggetto della fattura e non verificavano l’esistenza di un biglietto aereo valido con destinazione verso un paese che si trova al di fuori della Comunità Europea.

Durante l’indagine sono state bloccate circa 40.000 fatture ingiustamente autorizzate.

 

PRATI – ERA IL TERRORE DEL QUARTIERE PRATI.

CARABINIERI SCOPRONO IL “FORATORE SERIALE DI PNEUMATICI”.

 

ROMA – I Carabinieri della Stazione di Roma Prati hanno dato un nome e un volto al “foratore seriale”  di gomme d’auto, che tra il mese di agosto e ottobre scorso, era diventato l’incubo dei residenti del quartiere. E’ un romano 47enne, senza fissa dimora e con precedenti specifici, che armato di una tronchesina e un paio di forbici forava uno o addirittura due pneumatici delle auto “prescelte”.

L’uomo, agiva quasi sempre di notte, nel quadrante tra piazza Cavour e Piazza della Libertà, dove i  Carabinieri hanno raccolto numerose denunce dei residenti.

Una volta avviate le indagini, i militari sono riusciti ad incastrare il 47enne per quattro episodi, grazie all’acquisizione delle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza di alcuni esercizi commerciali.

Una volta avuto un identikit chiaro, i Carabinieri sono riusciti a rintracciare l’uomo e lo hanno denunciato in stato di libertà, per danneggiamento aggravato e continuato.

Sono tutt’ora in corso accertamenti per verificare il coinvolgimento del 47enne in altri episodi analoghi avvenuti nella stessa zona e nello stesso periodo.

 

CARABINIERI DENUNCIANO PAPA’ DISTRATTO CHE ABBANDONA LA FIGLIA DI 4 MESI IN AUTO PER ANDARE A PRENDERE UN “LUNGO” CAFFE’.

 

BRACCIANO. Un papà “distratto” di 44 anni, operaio, di origini ungheresi, è stato denunciato per abbandono di minori dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Bracciano. Ieri pomeriggio, l’uomo ha parcheggiato l’auto, lasciando la figlia di 4 mesi all’interno, davanti ad un supermercato di Bracciano e si è allontanato. Dopo circa 20 minuti, il pianto disperato della piccola ha attirato l’attenzione di un cliente del centro commerciale che ha avviato una vana  ricerca del papà nei paraggi e si è poi deciso a chiedere aiuto al 112.

Quando i Carabinieri sono intervenuti sono stati costretti a forzare la portiera dell’auto, per soccorrere la neonata, sempre in preda a forti vagiti. Con l’ausilio di altre pattuglie, l’uomo è stato rintracciato in un bar dove ha detto di essere andato a prendere un “lungo” caffè. Il papà ha poi ammesso di aver lasciato la figlia in auto, giustificandosi con il fatto che quando ha parcheggiato la piccola stava dormendo. In attesa degli operatori sanitari del 118, che ne hanno verificato lo stato di salute, la bambina è stata accudita dal Carabiniere donna che per prima è intervenuta sul posto con il collega di pattuglia per poi riaffidarla alla madre giunta sul posto. 

 

 

LEGIONE CARABINIERI LAZIO

Comando Provinciale di Roma